Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Si ricorda, nuovamente, alle aziende che producono rifiuti, che le annotazioni devono essere effettuate almeno dieci giorni lavorativi dalla operazione oggetto di registrazione. Entro il 31/12/ 2017 devono essere annotati sul registro rifiuti , tutti i carichi e scarichi fatti nel 2017. Le sanzioni per la mancata compilazione del registro e per gli eventuali errori sono sanzionate con multe elevate e vige il codice penale per i rifiuti pericolosi.

12/12/2017

CNA informa che i soggetti obbligati al pagamento del contributo ambientale CONOE sono i produttori e gli importatori di oli grassi vegetali e animali ad uso alimentare, destinati al mercato interno e destinati a diventare rifiuto.

12/12/2017

CNA ricorda l’obbligo dell’adesione al CONAI di tutte le aziende che producono utilizzano importano ed esportano imballaggi ( dal prima gennaio 2018 sarà disponibile la nuova modulistica per l’adesione al conai )

12/12/2017

Il 31 dicembre salvo ulteriore proroga ,termina la fase di sperimentazione del sistema per la tracciabilità dei rifiuti SISTRI.

Dal primo gennaio 2018 il mancato uso del SISTRI e gli errori e le omissioni nelle imputazione dei dati nel sistema telematico potranno dar luogo a sanzioni amministrative pecuniarie di notevole entità, mentre per i trasportatori la mancata stampa su carta della scheda di movimentazione costituirà reato.

Per i soggetti tenuti a usare il sistema di tracciabilità SISTRI

  • enti e imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi che occupano complessivamente più di 10 dipendenti,
  • trasportatori di rifiuti speciali pericolosi,
  • operatori dell’intermediazione e commercio senza detenzione e
  • gestori di impianti di trattamento di rifiuti urbani speciali e speciali pericolosi,

la corretta tenuta del registro cronologico SISTRI sostituirà la movimentazione del registro di carico e scarico, mentre l’emissione della scheda area di movimentazione sostituirà l’obbligo di emissione del formulario identificativo dei rifiuti pericolosi.

(SONO ESCLUSI ACCONCIATORI,ESTETISTE E TATUATORI)

Ricordiamo che CNA ha già richiesto un’ulteriore proroga.

 

Cna informa di aver predisposto un servizio per la riduzione della Tari. Sono numerosi, anche nella nostra Provincia,i casi di imprenditori che pur avendo già provveduto autonomamente, e a proprie spese a smaltire i rifiuti speciali prodotti nelle proprie aziende si vedono costretti a pagare la Tari al Comune in cui l’azienda è ubicata. Il Ministero dell’economia a fine 2014 aveva già fatto chiarezza con la risoluzione n. 2/DF secondo cui vanno esentati dal pagamento della Tari i magazzini e le aree produttive di rifiuti Speciali dove l’ azienda può dimostrare di avere smaltito tali rifiuti a proprie spese. I Comuni si sono in parte attivati inserendo nei regolamenti comunali una percentuale di riduzione che può variare da Comune a Comune. L’attuale procedura di riduzione della tassa non è automatica, ma aspetta all’impresa l’onere di chiedere la riduzione e di fornire tutta la documentazione comprovante l’avvenuto smaltimento dei rifiuti a spese dell’Azienda. Occorre presentare entro il 30 gennaio 2018 ai comuni, una richiesta predisposta dai Comuni.(varia da Comune a Comune ). copia del MUD e dei FORMULARI attestante lo smaltimento dei rifiuti.

12/12/2017