Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Gli studenti della Laurea Magistrale in Gestione d'Azienda e del Master in Management Internazionale M-Mint hanno presentato i loro 37 progetti imprenditoriali ad una giuria di esperti del mondo bancario, dell'impresa e delle professioni

Per il quarto anno consecutivo Fabio Antoldi, docente del Corso di Business Development della Facoltà di Economia e Giurisprudenza della Cattolica piacentina, ha dato un valore aggiunto alla lezione tradizionale, mettendo alla prova gli studenti, che oltre ad apprendere la teoria hanno realizzato in maniera efficace 37 progetti imprenditoriali. "E' importante in una situazione di crisi come quella attuale far ripartire l'economia - spiega il prof. Fabio Antoldi - investendo nel settore imprenditoriale, per questo motivo ho voluto gettare il seme dell'imprenditoria, suscitando negli studenti lo spirito della progettazione di una nuova impresa, consentendo loro di fare esperienza attraverso un gioco che può diventare realtà. Sono piccole iniezioni di spirito imprenditoriale".

Queste idee per creare nuove imprese sono strutturate con strategie imprenditoriali effettivamente realizzabili, caratterizzate tutte da una forte valenza innovativa e per la presenza di una componente di sostenibilità ambientale e sociale. Inoltre i progetti sono stati valutati da una giuria formata da rappresentanti di Unione Commercianti, di CNA, di banche (BCC - Centro Padana, Banca Farnese, Banca di Piacenza, Banca Popolare Commercio e Industria, Gruppo Banca Carige, Monte dei Paschi di Siena), di Federmanager, dell'Ordine dei Dottori Commercialisti, della Provincia di Piacenza, con lo scopo di selezionare i quattro migliori progetti che meritano di essere finanziati e realizzati. Dopo la presentazione dei Business Plan ad opera dei gruppi, l'evento si è concluso con la proclamazione dei quattro progetti migliori, direttamente ammessi alla fase italiana della Global Social Venture Competition, una competizione internazionale tra giovani imprese o idee di impresa che mira a formare nuovi imprenditori capaci di sviluppare contemporaneamente valore sociale e/o ambientale e profitto, e che mette in palio la possibilità di presentare il progetto a Berkeley nel mese di aprile 2013.

Il Piacenza 10/01/2013